Siete sul sito
Il suo paese
FacebookTwitterYoutubepinterestRss

Arte a Bruxelles e in Vallonia

 

Il successo del Museo Magritte

7 mesi dopo l'inaugurazione, Il Museo Magritte conferma il suo successo: 300.000 persone hanno visitato la ricca collezione di opere di René Magritte. Inoltre le prenotazioni per le visite guidate sono ormai al completo fino a fine marzo 2010. I risultati superano le aspettative. La capacità di accoglienza del museo è coperta al 100% e vista l'inarrestabile domanda, il museo ha attivato un sistema di prenotazione che regola il flusso dei visitatori. Per evitare lunghe code di attesa, è vivamente consigliata la prenotazione tramite il sito Internet www.musee-magritte-museum.be , sia per i gruppi che per gli individuali. In caso contrario non è possibile garantire l'ingresso al museo.

Esposizione “Fernand Graindorge 1903 – 1985 Collezionista e mecenate. Donazione alla Comunità Francese del Belgio.”

Un uomo d'affari, un grande collezioniste ed appassionato d'arte. L'esposizione in programma alla Salle St-Georges del Musée d'Art Wallon de Liège è dedicata alla raccolta di opere d'arte che Fernand Graindorge, mecenate di Liegi, donò alla Comunità Francese del Belgio negli ultimi anni della sua vita. Era particolarmente attratto dall'arte della sua epoca e da tutto ciò che gli sembrava nuovo. Diceva: "Acquisto unicamente opere che mi intrigano e che mi fanno pensare e quando credo di aver capito l'opera ed il messaggio dell'artista, la tela non mi interessa più". I dipinti esposti a Liegi, di Arp, Magnelli, Matisse, Picasso, Csaky, Gorin, Jacobsen, Le Corbusier, Magritte, Mambour, Mortensen e Ubac, sono affiancati ad opere di …Mirò, Kandinsky, Monet ed altri che Graindorge vendette a privati o ad istituzioni pubbliche ma che nell'insieme testimoniano la grandezza e l'importanza della sua collezione.
INFO: Dal 20/11/2009 al 07/02/2010
Salle Saint-Georges, Musée de l’Art wallon - Liegi
Tel: +32 (0)4 221 89 11 - http://museeartwallon.be  

Esposizione “I Medici - Il Rinascimento di carta di Isabelle de Borchgrave”

Una personale visione del Rinascimento dell'artista belga Isabelle de Borchgrave nella prima grande esposizione nel suo paese di origine. 29 abiti di carta, tagliata, incollata e dipinta a mano con la tecnica del trompe-l'oeil raffigurano modelli della moda fiorentina in uso alla corte dei Medici al tempo di Lorenzo il Magnifico. Queste vere e proprie opere d'arte sono state realizzate con una grande cura, precisione e rigore, con un'attenta ricerca che ha permesso all'artista di ricreare il ricco effetto del drappeggio e le tonalità dei colori nonché di imitare perfettamente la luce della seta e del velluto oltre che la minuzia dei ricami e dei merletti. 29 meraviglie che riportano i visitatori nel cuore di un'epoca straordinaria.
INFO: Dal 20 novembre 2009 al 18 aprile 2010
Musée du Cinquantenaire – Bruxelles
Tel: +32 (0)2 741 72 11 - http://www.kmkg-mrah.be  

Esposizione “Frida Kahlo y su mundo”

In occasione del bicentenario dell'indipendenza del Messico, il Bozar ospita 5 grandi eventi dedicati al paese, tra cui l'esposizione Frida Kahlo y su Mundo.
L'esposizione presenta una parte della collezione di opere della pittrice custodite al Museo Olmedo. Celebre per i suoi autoritratti simbolici e surrealisti, Frida Kahlo trasmette nei suoi dipinti tutto il dolore e l'amarezza fisici e morali di una vita che non l'ha risparmiata. Sottolineando la grande creatività dell'artista, l'esposizione, attraverso dipinti, acquarelli, disegni e fac-simile di lettere e fotografie mai pubblicate, offre un ampio panorama della scena culturale messicana del XX secolo.
INFO: Dal 16 gennaio al 18 aprile 2010
BOZAR/Palais des Beaux-Arts - Bruxelles
Tel: +32 (0)2 507 82 00 - http://www.bozar.be  

Esposizione “Simbolismo in Belgio”

L'esposizione traccia le evoluzioni del simbolismo a partire dalle sue origini: la pittura romantica della fine del XIX secolo. Attraverso opere di Fernand Knopff, Félicien Rops o Jean Delville, la mostra segue gli sviluppi del simbolismo in diversi ambiti: il ritratto, il paesaggio, la storia ai confini della realtà e del sogno, il dubbio, l’istante fugace, la religione ecc. Il legame stretto tra la poesia e le arti visive e la predilezione per l'opera d'arte totale predominerà nel concetto dell'esposizione che non sarà unicamente incentrata su celebri artisti come quelli sopraccitati, ma anche su nomi meno conosciuti nel mondo artistico fin de siècle di Bruxelles.
INFO: Dal 26 marzo al 27 giugno 2010
Musées Royaux des Beaux-Arts de Belgique - Bruxelles
Tel: +32 (0)2 508 32 11 - www.fine-arts-museum.be  

Cantiere vivente alla Cattedrale di Tournai

Chiuso per restauro. Capita di vederlo scritto su un cartello.
Ma non a Tournai dove la Cattedrale di Notre-Dame, unica in Europa per la particolarità dei 5 campanili, sarà aperta per restauri fino al 2015.
E' stato infatti organizzato il cantiere vivente: i visitatori, accompagnati da una guida, possono indossare un casco di protezione e salire sui ponteggi fino ai tetti a 40 metri di altezza. La visita comincia proprio da lì … e con uno straordinario panorama sulla città. Il percorso guidato prosegue poi all'interno della Cattedrale alla scoperta di alcuni tesori che non erano visibili al pubblico prima: vestigia romane sotto la Cattedrale e il Coro gotico. Occasione unica in Europa!
INFO: Prenotazione obbligatoria all'Ufficio del Turismo – Tel: +32 (0)69 22.20.45
Prezzo: 8 €, 5,50 € escludendo l'accesso ai tetti. Possibilità di biglietti combinati con la visita al Beffroi, lo spettacolo audiovisivo Le couloir du temps e il Tesoro della Cattedrale.
www.tournaicoeurcathedral.eu